Alopecia: un problema, tante soluzioni

L’autunno è un periodo critico per i capelli. Per questo è anche il momento migliore per prendersene cura, rafforzandoli in previsione del cambio di stagione. E se ci sembra di perderne più del solito? Attenzione: potrebbe trattarsi non di un diradamento dovuto al periodo dell’anno o a un momento di stress, ma di un’alterazione dell’equilibrio all’interno del ciclo vitale del capello, causa scatenante dell’alopecia.

Fortunatamente è possibile intervenire per ostacolare o rallentare il processo: le soluzioni sono diverse, dalla chirurgia per il trapianto a farmaci come Minoxidil o Finasteride, fino a trattamenti estetici di varia natura, che spesso associano mesoterapia, LED o PRP (Platelet Rich Plasma).

Sempre più spesso, tuttavia, si preferisce ricorrere a trattamenti cosmetici: shampoo, fiale e lozioni sono considerati un’alternativa più sicura ai farmaci, perché senza effetti collaterali, e allo stesso tempo meno invasiva e costosa rispetto ai trattamenti estetici o chirurgici, in linea con il trend che privilegia gli ingredienti di origine vegetale.

Dalla natura, una risposta efficace

I trattamenti cosmetici, anche grazie ai numerosi studi scientifici a supporto dell’efficacia degli attivi impiegati, utilizzano sempre più spesso attivi di origine naturale in grado di rallentare la caduta e favorire la crescita di capelli più sani, forti e spessi.

Con un importante vantaggio: se la caduta è ancora in una fase iniziale, infatti, il trattamento cosmetico può rappresentare a tutti gli effetti un’alternativa di pari valore rispetto ad altri interventi. Se invece ci si trova a dover gestire un’alopecia a uno stadio ormai avanzato, la cosmetica resta valida per rafforzare altre strategie.

Come orientarsi?

La difficoltà, per il consumatore, è soprattutto quella di individuare il trattamento migliore per le proprie esigenze, scegliendo dei prodotti efficaci e che garantiscano un’adeguata tollerabilità. Per orientarsi meglio in questo vastissimo mercato, un punto fermo può essere proprio quello di scegliere prodotti che presentino ingredienti attivi riconosciuti per le loro proprietà, privilegiando le formulazioni a base di ingredienti di origine vegetale e naturale, in cui le componenti chimiche siano ridotte al minimo: all’aggressività degli attivi chimici, infatti, è preferibile un’azione rispettosa della fibra del capello e del cuoio capelluto.

Tra gli estratti vegetali selezionati in base ai risultati, studi in vitro hanno dimostrato che l’estratto di Serenoa repens riveste un’azione fondamentale nell’inibire l’enzima 5-alfa-reduttasi, una delle cause principali dell’alopecia androgenetica. Anche le cellule staminali di origine vegetale, isolate di recente grazie a nuove scoperte in campo scientifico, trovano ampio utilizzo all’interno delle formulazioni anti-caduta: da una parte, infatti, contribuiscono alla protezione del bulbo dallo stress ossidativo, dall’altra producono energia per garantire il sostentamento del capello durante la fase di crescita attiva.

Phytonovathrix, un trattamento anti-caduta globale

In questo quadro si colloca Phytonovathrix, il trattamento anti-caduta globale che racchiude tutta l’expertise scientifica sull’anti-caduta dei Laboratoires Phyto, il brand francese che da 50 anni si serve di attivi di origine vegetale per rispondere alle esigenze specifiche dei capelli, utilizzando la scienza per estrarre il meglio dalle piante.

Con una formulazione al 99% di origine naturale, Phytonovathrix offre il massimo della competenza sull’anti-caduta, ed è in grado di agire su tutti i target coinvolti nella caduta e nella crescita dei capelli, stimolando il cuoio capelluto per restituire densità e vigore alla capigliatura.

Inoltre Phyto, da sempre portavoce di una filosofia in armonia con la natura, impiega nelle sue formulazioni delle estrazioni vegetali, metodo unico che permette di estrarre le molecole di interesse e di ottenere formulazioni concentrate, sempre prestando particolare attenzione all’ambiente e alla tutela della biodiversità.